CERCA

testata grande

Indirizzi di studio

indirizzi di studio

 

Io Studio a Cosenza all'Istituto Professionale

Manutenzione e assistenza tecnica

Manutenzione e assistenza tecnica - Opzione “Manutenzione mezzi di trasporto”

Il Diplomato di istruzione professionale di tale indirizzo pianifica ed effettua, con autonomia e responsabilità coerenti al quadro di azione stabilito e alle specifiche assegnate, operazioni di installazione, di manutenzione/riparazione ordinaria e straordinaria, nonché di collaudo di piccoli sistemi, macchine, impianti e apparati tecnologici.

Industria e artigianato per il Made in Italy

In questo indirizzo il Diplomato interviene con autonomia e responsabilità nei processi di lavorazione, fabbricazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali, nonché negli aspetti relativi all’ideazione, progettazione e realizzazione dei prodotti stessi, anche con riferimento alle produzioni tipiche locali. Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite ad aree di attività specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio e gli consentono di intervenire nei processi industriali ed artigianali con adeguate capacità decisionali, spirito di iniziativa e di orientamento, anche nella prospettiva dell’esercizio di attività autonome nell’ambito dell’imprenditorialità giovanile. 

Io Studio a Montalto Uffugo all'Istituto Tecnico Industriale

Settore Tecnologico “Meccanica, Meccatronica ed Energia” articolazione Meccanica, Meccatronica”

Ha l’obiettivo di formare professionisti in grado di progettare e costruire sistemi meccanici ed elettromeccanici. Il tutto nel rispetto delle normative di settore

Settore Tecnologico “Chimica, materiali e Biotecnologia”articolazione Biotecnologie Ambientali

Per imparare a gestire i processi chimico-biologici da adottare nei settori della ricerca, farmaceutico, alimentare, ambientale, tintorio e del trattamento dei pellami. Con un focus su tutela dell'ambiente e salute

Io Studio a Rogliano

ISITUTO TECNICO

Indirizzo "Amministrazione, Finanza e Marketing"

LICEO SCIENTIFICO

LICEO SCIENZE APPLICATE

ENOGASTRONOMIA ED OSPITALITA' ALBERGHIERA

Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici, anche marittimi.

Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

È in grado di:

controllare e ripristinare, durante il ciclo di vita degli apparati e degli impianti, la conformità del loro funzionamento alle specifiche tecniche, alle normative sulla sicurezza degli utenti e sulla salvaguardia dell’ambiente.
osservare i principi di ergonomia, igiene e sicurezza che presiedono alla realizzazione degli interventi.
organizzare e intervenire nelle attività per lo smaltimento di scorie e sostanze residue, relative al funzionamento delle macchine, e per la dismissione dei dispositivi.
utilizzare le competenze multidisciplinari di ambito tecnologico, economico e organizzativo presenti nei processi lavorativi e nei servizi che li coinvolgono.
gestire funzionalmente le scorte di magazzino e i procedimenti per l’approvvigionamento.
reperire e interpretare documentazione tecnica.
assistere gli utenti e fornire le informazioni utili al corretto uso e funzionamento dei dispositivi.
agire nel suo campo di intervento nel rispetto delle specifiche normative ed assumersi autonome responsabilità.
segnalare le disfunzioni non direttamente correlate alle sue competenze tecniche.
operare nella gestione dei servizi, anche valutando i costi e l’economicità degli interventi.

L’opzione “Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili” afferisce all’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”.

Nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”, l’opzione “Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili” specializza e integra le conoscenze e competenze in uscita dall’indirizzo, coerentemente con la filiera produttiva di riferimento e con le esigenze del territorio, con competenze rispondenti ai fabbisogni delle aziende impegnate nella manutenzione di apparati e impianti elettrici, elettromeccanici, termici, industriali e civili, e relativi servizi tecnici.

A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato in “Manutenzione e assistenza tecnica”, opzione “Apparati, impianti e servizi tecnici industriali” consegue i risultati di apprendimento descritti nel punto 2.3 dell’Allegato A), di seguito descritti in termini di competenze.

Comprendere, interpretare e analizzare schemi di apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili.
Utilizzare strumenti e tecnologie specifiche nel rispetto della normativa sulla sicurezza.
Utilizzare la documentazione tecnica prevista dalla normativa per garantire la corretta funzionalità di apparecchiature, impianti  e sistemi tecnici per i quali cura la manutenzione, nel contesto industriale e civile.
Individuare i componenti che costituiscono il sistema e i vari materiali impiegati, allo scopo di intervenire nel montaggio, nella sostituzione dei componenti e delle parti, nel rispetto delle modalità e delle procedure stabilite.
Utilizzare correttamente strumenti di misura, controllo e diagnosi, eseguire le regolazioni degli apparati e impianti industriali e civili di interesse.
Garantire e certificare la messa a punto a regola d’arte degli apparati e impianti industriali e civili, collaborando alle fasi di installazione, collaudo e di organizzazione-erogazione dei relativi servizi tecnici.
Agire nel sistema di qualità, reperire le risorse tecniche e tecnologiche per offrire servizi efficienti ed efficaci.

Le competenze dell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”, nell’opzione “Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili ”, sono sviluppate e integrate in coerenza con la filiera produttiva di riferimento e con le esigenze del territorio.

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI NELL’AREA DI INDIRIZZO

QUADRO ORARIO

*  l’attività didattica di laboratorio caratterizza l’area di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono riferite solo alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.     Le istituzioni scolastiche, nell’ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell’ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

** insegnamento affidato al docente tecnico-pratico.

La recente riforma della Scuola secondaria ha ripreso la piu’ importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo Scientifico Tecnologico, facendola  confluire nel nuovo Liceo Scientifico delle Scienze Applicate.

“Il percorso del Liceo Scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale”.

Il percorso del Liceo opzione Scienze Applicate, pur mantenendo  le caratteristiche educative e culturali della struttura liceale, potenzia l’ambito scientifico con particolare riferimento alle scienze matematiche, sperimentali ed informatiche e alle loro applicazioni.

Questo corso possiede le caratteristiche necessarie per rendere la preparazione degli alunni adeguata alle richieste formative della società del terzo millennio, infatti:

  • è l’unico liceo con l’informatica come materia specifica dal primo anno di studio,
    ha un rilevante numero di ore relative a materie scientifiche (matematica, fisica, chimica, scienze naturali)
    fonda l’apprendimento nell’uso intensivo dei laboratori

Il Liceo fornisce una solida preparazione di base per l’accesso ad ogni facoltà universitaria.

Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno:

  • aver appreso concetti, principi e teorie scientifiche anche attraverso esemplificazioni operative di laboratorio;
  • elaborare l’analisi critica dei fenomeni considerati, la riflessione metodologica sulle procedure sperimentali e la ricerca di strategie atte a favorire la scoperta scientifica;
  • analizzare le strutture logiche coinvolte ed i modelli utilizzati nella ricerca scientifica;
  • individuare le caratteristiche e l’apporto dei vari linguaggi (storico-naturali, simbolici, matematici, logici, formali, artificiali);
  • comprendere il ruolo della tecnologia come mediazione fra scienza e vita quotidiana;
  • saper utilizzare gli strumenti informatici in relazione all’analisi dei dati e alla modernizzazione di specifici e individuare la funzione dell’informatica nello sviluppo scientifico;
  • saper applicare i metodi della scienze in diversi ambiti.

Alberghiero ed enogastronomia

 

ll Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera” ha specifiche competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell’enogastronomia e dell’ospitalità alberghiera, nei cui ambiti interviene in tutto il ciclo di organizzazione e gestione dei servizi.

È in grado di:

  • utilizzare le tecniche per la gestione dei servizi enogastronomici e l’organizzazione della commercializzazione, dei servizi di accoglienza, di ristorazione e di ospitalità;
  • organizzare attività di pertinenza, in riferimento agli impianti, alle attrezzature e alle risorse umane;
  • applicare le norme attinenti la conduzione dell’esercizio, le certificazioni di qualità, la sicurezza e la salute nei luoghi di lavoro;
  • utilizzare le tecniche di comunicazione e relazione in ambito professionale orientate al cliente e finalizzate all’ottimizzazione della qualità del servizio;
  • comunicare in almeno due lingue straniere;
  • reperire ed elaborare dati relativi alla vendita, produzione ed erogazione dei servizi con il ricorso a strumenti informatici e a programmi applicativi;
  • attivare sinergie tra servizi di ospitalità-accoglienza e servizi enogastronomici;
  • curare la progettazione e programmazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei suoi prodotti.

L’indirizzo presenta le articolazioni: “Enogastronomia”, “Servizi di sala e di vendita” e “Accoglienza turistica”, nelle quali il profilo viene orientato e declinato.

Nell’articolazione “Enogastronomia”, il Diplomato è in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; sa operare nel sistema produttivo promuovendo le tradizioni locali, nazionali e internazionali, e individuando le nuove tendenze enogastronomiche.

Nuova, all’interno della proposta di “Enogastronomia”, è dall'a.s.14/15 l’opzione “Prodotti dolciari artigianali ed industriali”. Il diplomato che l’abbia scelta disporrà di una specializzazione utile per agire all’interno della filiera delle produzioni industriali e artigianali dolciarie e da forno.

Nell’articolazione “Servizi di sala e di vendita”, il diplomato è in grado di svolgere attività operative e gestionali in relazione all’amministrazione, produzione, organizzazione, erogazione e vendita di prodotti e servizi enogastronomici; sa interpretare lo sviluppo delle filiere enogastronomiche per adeguare la produzione e la vendita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela, valorizzando i prodotti tipici.

A conclusione del percorso quinquennale, i diplomati nelle relative articolazioni “Enogastronomia” e “Servizi di sala e di vendita”, conseguono i seguenti obiettivi in termini di competenze:

  • Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico.
  • Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche.
  • Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici.

Nell’articolazione “Accoglienza turistica”, il diplomato è in grado di intervenire nei diversi ambiti delle attività di ricevimento, di gestione e organizzazione dei servizi in relazione alla domanda stagionale e alle esigenze della clientela; sa promuovere i servizi di accoglienza turistico-alberghiera anche attraverso la progettazione di prodotti turistici che valorizzino le risorse del territorio.

Liceo Scientifico

"Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l’acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale”. Lo studente che esce dal Liceo scientifico:

  • ha acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguistico-storico-filosofico e scientifico; comprende i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell’indagine di tipo umanistico;
  • padroneggia il linguaggio logico-formale e i procedimenti argomentativi e dimostrativi della matematica;
  • possiede una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e padroneggia, anche attraverso l’uso sistematico del laboratorio, i linguaggi specifici e i metodi di indagine propri delle scienze sperimentali;
  • sa individuare e risolvere problemi di varia natura.
Quadro orario quinquennale
LICEO SCIENTIFICO II III IV Tot. 
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4 660
Lingua e cultura latina 3 3 3 3 3 495
Lingua e cultura inglese 3 3 3 3 3 495
Seconda lingua straniera comunitario opzionale (spagnolo o tedesco o francese)* 2 2 2 2 2 300
Storia e geografia 3 3 - - - 198
Storia - - 2 2 2 198
Filosofia - - 3 3 3 297
Matematica (con informatica nel 1° biennio) 5 5 - - - 726
Matematica - - 4 4 4
Fisica 2 2 3 3 3 429
Scienze (biologia, chimica, scienze della Terra) 2 2 3 3 3 429
Disegno e Storia dell'arte 2 2 2 2 2 330
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2 330
Religione cattolica o attività alternative 1 1 1 1 1 165
Totale ore settimanali 27 27 30 30 30 4752

N.B.     È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato.

Questo indirizzo integra le competenze dell’ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell’azienda e contribuire sia all’innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell’impresa inserita nel contesto internazionale. Nello specifico, alla fine del percorso di studio, ogni studente deve essere in grado di:
- rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali;
– redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali;
– gestire adempimenti di natura fiscale;
– collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell’azienda;
– svolgere attività di marketing;
– collaborare all’organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali;
– utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing.

L'articolazione “Relazioni internazionali per il marketing” fa riferimento sia all’ambito della comunicazione aziendale con l’utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici, sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. L'articolazione “Sistemi informativi aziendali” fa riferimento sia all’ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all’adattamento di software applicativi.

Gli studenti di entrambe le articolazioni, con il conseguimento della maturità, devono essere in grado di:
- riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali; i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un’azienda; i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse;
- individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali;
- interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese;
- riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date;
- individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane;
- gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l’ausilio di programmi di contabilità integrata;
- applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati;
- inquadrare l’attività di marketing nel ciclo di vita dell’azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato;
- orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose;
- utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d’impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti;
- analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d’impresa.

INDIRIZZO “MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA” ARTICOLAZIONE “MECCANICA E MECCATRONICA”

Nell’ambito del proprio livello operativo, il Tecnico in Meccanica, Meccatronica ed Energia:

ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni;inoltre, ha competenze sulle macchine e sui dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizi nei diversi contesti economici; nelle attività produttive d’interesse, esprime le proprie competenze nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e dei prodotti e nella realizzazione dei processi produttivi; opera nella manutenzione preventiva e ordinaria e nell’esercizio di sistemi meccanici ed elettromeccanici complessi; è in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impianti industriali; nel campo dei trasporti, può approfondire e specializzare le sue competenze in ordine alla costruzione e manutenzione, ordinaria e straordinaria, dei mezzi terrestri, navali e aerei; integra le conoscenze di meccanica, di elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici dedicati con le nozioni di base di fisica e chimica, economia e organizzazione; interviene nell’automazione industriale e nel controllo e conduzione dei processi, rispetto ai quali è in grado di contribuire all’innovazione, all’adeguamento tecnologico e organizzativo delle imprese, per il miglioramento della qualità ed economicità dei prodotti; elabora cicli di lavorazione, analizzandone e valutandone i costi; relativamente alle tipologie di produzione interviene nei processi di conversione, gestione ed utilizzo dell’energia e del loro controllo, per ottimizzare il consumo energetico nel rispetto delle normative sulla tutela dell’ambiente;

è in grado di operare autonomamente, nell’ambito delle normative vigenti, ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale;

è in grado di pianificare la produzione e la certificazione dei sistemi progettati, descrivendo e documentando il lavoro svolto, valutando i risultati conseguiti, redigendo istruzioni tecniche e manuali d’uso; conosce ed utilizza strumenti di comunicazione efficace e team working per operare in contesti organizzati.

Il Tecnico Meccanico e Meccatronico è una figura capace  di inserirsi nei vari settori  e ricoprire  diverse mansioni:

  • tecnico acquisti  e tecnico di produzione
  • disegnatore tecnico presso industrie o studi professionali
  • manutentore montatore meccanico e/o elettrico;
  • tecnico sistema qualità e di manutenzione (pianificazione gestione)
  • tecnico ambiente - sicurezza;
  • tecnico gestione progetti (project manager);
  • progettista (libera professione)
  • insegnamento tecnico-pratico in istituti tecnici e professionali

 

Meccanica e Meccatronica

Diploma Professionale nell'indirizzo “INDUSTRIA E ARTIGIANATO PER IL MADE IN ITALY” - ORAFO

Per orafo deve intendersi colui che in base ad un idea o un disegno, che sia proprio o altrui, è in grado di realizzare qualunque oggetto d’oro o di altro metallo nobile padroneggiando con sapienza tutte le tecniche dell’oreficeria (cesello, sbalzo, incisione, traforo, saldatura, microfusione, galvanoplastica)

La creazione di un oggetto non richiede una semplice acquisizione delle tecniche operative, ma è necessario che alla base di questa vengano coltivate ed affinate la cultura artistica in generale, la sensibilità e creatività personale, tramite un processo educativo accurato, che sappia sviluppare e liberare quelle potenzialità individuali che potranno esprimersi all’insegna del gusto e della creatività.

Durante i cinque anni farai parte di un ambiente di lavoro giovane, creativo, stimolante e dinamico, studiato per rendere il tuo percorso scolastico una piacevole esperienza formativa e di vita. Farai pratica sin dai primi giorni in laboratori all'avanguardia, costantemente aggiornati, dove metterai in essere,
quotidianamente, le conoscenze acquisite, libererai le idee per esprimere te stesso e simulare un ambiente lavorativo e casi reali.

Selezioniamo accuratamente i docenti che ti guideranno!
Sarai affiancato da un corpo docenti preparato, attento,giovane, competente e sarà sempre disponibile a guidarti ed aiutarti nel tuo processo di apprendimento. Saranno per te una risorsa e non un ostacolo!

A conclusione del corso di studi, conseguirai la maturità professionale di Orafo, che ti consentirà l’iscrizione a tutte le facoltà universitarie, avrai inoltre la possibilità di aprire un laboratorio di oreficeria, lavorare presso le aziende di settore o come perito presso il tribunale.
Materie caratterizzanti del corso di studi:

  • Laboratorio di Oreficeria
  • Progettazione e Realizzazione del prodotto
  • Tecniche e Tecnologie di Rappresentazione Grafica
  • Tecnologie applicate ai processi e materiali produttivi
  • Tecniche di Marketing

Oltre ad offrire la possibilità, tramite il Diploma di Perito in Biotecnologie Ambientali, di proseguire gli studi in tutti i corsi universitari e nei corsi di Istruzione Tecnica Superiore (ITS e IFTS), questo nuovo percorso di cinque anni facilita l’inserimento di tecnici diplomati in quei settori del mondo del lavoro che richiedono sempre più un approccio pluridisciplinare a tecnologie innovative.

Nel primo biennio (I e II) si studiano discipline di area comune (Italiano, Matematica, Inglese, Scienze Naturali, Storia, Diritto e Scienze Motorie) e discipline d'indirizzo (Chimica, Fisica, Tecnologie Informatiche, Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica, Scienze Applicate).
Il secondo biennio (III e IV) e il quinto anno puntano sia a consolidare la formazione culturale generale (per l’eventualità di studi postdiploma) sia a formare professionalità adeguate al settore biotecnologico. Accanto a discipline di area comune (Italiano, Matematica, Inglese, Storia, Scienze Motorie) si sviluppano quattro discipline d'indirizzo: Biologia, Chimica Analitica, Chimica Organica e Fisica Ambientale, per le quali sono previste attività di laboratorio in misura considerevole (circa 30% dell’orario scolastico complessivo).

Le metodologie didattiche, basate sulla didattica laboratoriale e sullo studio di casi reali, coinvolgono in prima persona gli studenti e li stimolano a confrontare le proprie idee e ad affrontare i problemi in modo pluridisciplinare.

LE COMPETENZE RAGGIUNTE ALLA FINE DEL PERCORSO (Che cosa si impara)

Questo corso garantisce un complesso di competenze sui metodi di studio degli ecosistemi, in particolare dei flussi energetici, dei sistemi microbici, biomolecolari, della genetica e delle biotecnologie applicabili a questi campi. Speciale attenzione è rivolta alle energie rinnovabili, alla gestione dei rifiuti, all’impatto ambientale delle attività produttive, alla sicurezza degli ambienti di vita e di lavoro e al biorisanamento.

A conclusione del triennio il diplomato consegue, i RISULTATI DI APPRENDIMENTO In termini delle seguenti competenze, sviluppate coerentemente con le peculiarità del percorso relativo all’articolazione BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI

  • Saper acquisire i dati ed esprimere qualitativamente e quantitativamente i risultati delle osservazioni di un fenomeno attraverso grandezze fondamentali e derivate;
  • Saper individuare e gestire le informazioni per organizzare le attività sperimentali;
  • Saper utilizzare i concetti, i principi e i modelli della chimica fisica per interpretare la struttura dei sistemi e le loro trasformazioni;
  • Essere consapevole delle potenzialità e dei limiti delle tecnologie, nel contesto culturale e sociale in cui sono applicate;
  • Essere in grado di intervenire nella pianificazione di attività e controllo della qualità del lavoro nei processi chimici e biotecnologici;
  • Saper elaborare progetti biotecnologici e gestire attività di laboratorio;
  • Saper governare e controllare progetti e attività, applicandole normative sulla protezione ambientale e sulla sicurezza.
  • Saper redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali  

OPPORTUNITÀ LAVORATIVE E SETTORI DI IMPIEGO

Le opportunità lavorative offerte da questo corso, in settori che richiedono solide competenze tecnico-scientifiche, sono molteplici e di qualità.

  • Libera professione (consulenza ambientale).
  • Tecnico di laboratorio, con compiti di controllo dell'igiene ambientale, merceologica, degli impianti chimici, farmaceutici, e di processi di produzione biotecnologica
  • in aziende
  • in università, altri centri di ricerca, enti di protezione ambientale.

Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica” possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici, anche marittimi.

Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (elettronica, elettrotecnica, meccanica, termotecnica ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

È in grado di:

controllare e ripristinare, durante il ciclo di vita degli apparati e degli impianti, la conformità del loro funzionamento alle specifiche tecniche, alle normative sulla sicurezza degli utenti e sulla salvaguardia dell’ambiente;
osservare i principi di ergonomia, igiene e sicurezza che presiedono alla realizzazione degli interventi;
organizzare e intervenire nelle attività per lo smaltimento di scorie e sostanze residue, relative al funzionamento delle macchine, e per la dismissione dei dispositivi;
utilizzare le competenze multidisciplinari di ambito tecnologico, economico e organizzativo presenti nei processi lavorativi e nei servizi che li coinvolgono;
gestire funzionalmente le scorte di magazzino e i procedimenti per l’approvvigionamento;
reperire e interpretare documentazione tecnica;
assistere gli utenti e fornire le informazioni utili al corretto uso e funzionamento dei dispositivi;
agire nel suo campo di intervento nel rispetto delle specifiche normative ed assumersi autonome responsabilità;
segnalare le disfunzioni non direttamente correlate alle sue competenze tecniche;
operare nella gestione dei servizi, anche valutando i costi e l’economicità degli interventi.

Nell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”, l’opzione “Manutenzione dei mezzi di trasporto” specializza e integra le conoscenze e competenze in uscita dall’indirizzo, coerentemente con la filiera produttiva di riferimento e con le esigenze del territorio, con competenze rispondenti ai fabbisogni delle aziende impegnate nella manutenzione di apparati e impianti inerenti i mezzi di trasporto di interesse, terrestri, aerei o navali, e relativi servizi tecnici.

A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato in “Manutenzione e assistenza tecnica” – opzione “Manutenzione dei mezzi di trasporto”” consegue i risultati di apprendimento descritti nel punto 2.3 dell’Allegato A), di seguito descritti in termini di competenze.

Comprendere, interpretare e analizzare la documentazione tecnica relativa al mezzo di trasporto.
Utilizzare, attraverso la conoscenza e l’applicazione della normativa sulla sicurezza, strumenti e tecnologie specifiche.
Seguire le normative tecniche e le prescrizioni di legge per garantire la corretta funzionalità del mezzo di trasporto e delle relative parti, di cui cura la manutenzione nel contesto d’uso.
Individuare i componenti che costituiscono il sistema e i vari materiali impiegati, allo scopo di intervenire nel montaggio, nella sostituzione dei componenti e delle parti, nel rispetto delle modalità e delle procedure stabilite.
Utilizzare correttamente strumenti di misura, controllo e diagnosi, eseguire le regolazioni dei sistemi e degli impianti relativi al  mezzo di trasporto.
Garantire e certificare la messa a punto a regola d’arte del mezzo di trasporto e degli impianti relativi, collaborando alle fasi di installazione, collaudo ed assistenza tecnica degli utenti.
Agire nel sistema di qualità, gestire le esigenze del committente, reperire le risorse tecniche e tecnologiche per offrire servizi efficaci ed economicamente correlati alle richieste.

Le competenze dell’indirizzo “Manutenzione e assistenza tecnica”, nell’opzione “Mezzi di trasporto”, sono sviluppate e integrate in coerenza con la filiera produttiva di riferimento e con le esigenze del territorio.

(le ore indicate con asterisco sono riferite solo alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza degli insegnanti tecnico-pratici.)